domenica 15 gennaio 2017

Crostata con confettura di ciliege


Amo la frolla, mi piace quella un po meno morbida, un po più croccantina, un po doppia, e mi piace da pazzi che sappia di limone, di quelli buoni però non trattati :p

Io la faccio così, pasta frolla di Pellegrino Artusi
500g di farina debole (W170)
2 uova intere medie + un tuorlo
220 g di zucchero semolato
250 g di burro a pezzetti
 la buccia grattugiata di limone non trattato, io li acquisto da Ciccio, mercato del sabato Coldiretti

Sulla spianatoia la farina a fontana, al centro tutti gli ingredienti e lavorare giusto il tempo di unire bene gli ingredienti tra di loro. Formato un panetto compatto mettere a riposare un'ora in frigo

Stendere la frolla dello spessore desiderato io almeno 5/7 mm, ve lo dicevo che  mi piace spessa e un po croccantina, una parte diciamo poco più della metà la si mette in una teglia non unta, non c'è bisogno, il burro contenuto nella frolla basterà :) e si copre della marmellata che si  preferisce, io oggi ho usato quella di ciliege, la mia, semplice e furba,ed il resto o la si  copre con le classiche striscioline o con quello che volete, io ho fatto queste simpatiche foglioline con uno stampino ad espulsione.
Infornare a 190° fino a doratura preferita, io la preferisco meno pallida, così è più croccantina

Niente di straordianrio, una semplice crostata, ma vi assicuro buona buona

2 commenti: