lunedì 21 agosto 2017

Polpette di melanzane, le mie

 Devo la scoperta di queste polpette alla mia amica Stefania, in passato tutte quelle provate erano sempre una tragedia :( poi un giorno lei mi fece provare le sue, e da allora sono diventate una passione.


Occorrono solo:

Melanzane
Pan grattato
Mix di formaggio tra grana padano e pecorino
Sale e pepe
Aglio in polvere
Basilico o prezzemolo
Uova



Taglio le melanzane a cubetti e le metto in una pentola con acqua e sale, per far uscire la loro acqua di vegetazione, e accendo la fiamma.






Giro spesso per essere sicura che tutte caccino la loro acqua e così facendo porto a cottura, fino a che sono morbide ma non molli.
Una volta fredde, le strizzo per bene ed aggiungo :
Pan grattato
Sale pepe
Aglio in polvere
Mix parmigiano o grana padano e pecorino secondo i gusti
Uova per legare l'impasto e per la panatura
Basilico fresco, a chi piace anche prezzemolo, ma io lo digerisco davvero male

Questo è l'impasto come si presenta dopo avere amalgamato gli ingredienti

Procedo quindi a preparare le polpettine, che dopo passo nelle uova sbattute , poi nel pan grattato e poi Friggo in abbondante olio di arachidi bello caldo e profondo, non più di 4 polpettine alla vota per non fare scendere troppo la temperatura dell'olio
Semplici ma buonissime!!!


.



martedì 21 febbraio 2017

Tanti cari auguri chef

Ho l'onore di conoscere lo chef Gianluca d'Agostino del ristorante Veritas,  che si trova proprio  sotto casa mia, una persona deliziosa, senza nessuna ostentazione, riservato e schivo, ottimo chef e premiato di recente con una stella Michelin
E' classe 1977, quindi giovanissimo una cosa che  mi fa davvero piacere,  largo ai giovani come si usa dire...
Dal 2010 guida la brigata del ristorante , che da sempre si è conraddistinto in città per la sua ottima cucina, ed io garantisco, ho degustato :p , per cui questo premio  arriva davvero meritato, 
 Ricordo quando tornò dalla vittoria, era felice come una Pasqua,  ma a stento ci credeva lui stessog, ed in quell'occasione mi pregiai di appuntargli  una stellina d'oro sulla giacca, dono mio e di Teresa, con l'augurio di appuntargli al più presto anche la seconda :)

Vi invito a cenare in questo ristorante qualche volta, vi assicuro che non ve ne pentirete ;)
Ieri è stato il suo compleanno, ed ho voluto fargli gli auguri con questa  tortina, molto, molto, molto semplice, ma che ricordasse ancora la sua premiazione

Certo che sono proprio svitata, matta da legare, posso mai regalare una torta fatta da me ad uno chef stellato??? Una cosa più comune no??? :p

domenica 22 gennaio 2017

Orecchiette di Antonio

Ed ecco il piatto preferito di mio figlio:

facile
veloce
di sicuro successo
pochi ingredienti ma di qualità
Cosa volere di più??? :p


 Cosa vi occorre:
orecchiette
piselli
olio evo
cipolla
carne macinata
vino bianco
sale
 pepe

Faccio andare in padella un po di olio Evo colline salernitane con la cipolla, quando si è imbiondita, aggiungo i piselli, e faccio andare fino a cottura, aggiungendo un po di acqua se necessario.
Poi in un'altra padella faccio andare un po di olio evo e, una volta caldo, aggiungo la carne tritata, faccio andare per un po, poi aggiungo sale e pepe ed in ultimo sfumo con un po di Falanghina beneventana IGT che prendo qui 
Intanto cuocio le orecchiette, che lui preferisce, ma volendo potete usare il formato che più vi aggrada, e poi le unisco ai due intingoli., faccio saltare un po tutto assieme per amalgamare il tutto e servo con un po di grana padano grattugiata, più semplice di così ;-)


domenica 15 gennaio 2017

Crostata con confettura di ciliege


Amo la frolla, mi piace quella un po meno morbida, un po più croccantina, un po doppia, e mi piace da pazzi che sappia di limone, di quelli buoni però non trattati :p

Io la faccio così, pasta frolla di Pellegrino Artusi
500g di farina debole (W170)
2 uova intere medie + un tuorlo
220 g di zucchero semolato
250 g di burro a pezzetti
 la buccia grattugiata di limone non trattato, io li acquisto da Ciccio, mercato del sabato Coldiretti

Sulla spianatoia la farina a fontana, al centro tutti gli ingredienti e lavorare giusto il tempo di unire bene gli ingredienti tra di loro. Formato un panetto compatto mettere a riposare un'ora in frigo

Stendere la frolla dello spessore desiderato io almeno 5/7 mm, ve lo dicevo che  mi piace spessa e un po croccantina, una parte diciamo poco più della metà la si mette in una teglia non unta, non c'è bisogno, il burro contenuto nella frolla basterà :) e si copre della marmellata che si  preferisce, io oggi ho usato quella di ciliege, la mia, semplice e furba,ed il resto o la si  copre con le classiche striscioline o con quello che volete, io ho fatto queste simpatiche foglioline con uno stampino ad espulsione.
Infornare a 190° fino a doratura preferita, io la preferisco meno pallida, così è più croccantina

Niente di straordianrio, una semplice crostata, ma vi assicuro buona buona