mercoledì 30 novembre 2011

Torta zuccherata delle sorelle Simili

Questa  è una ricetta delle famose sorelle Simili, quindi è garantita!!! Io la faccio spesso ed è sempre un successo.






Fare un bel lievitino con :
50g di farina manitoba
20g di lievito di birra, ma se avete tempo riducetelo ed aumentate i tempi di lievitazione, in estate poi dimezzatelo a occhi chiusi
80g di latte

Impastare velocemente, coprire con una pellicola  e far lievitare fino al raddoppio (circa 1 ora)

Impasto:

200g circa di acqua
450g di farina 00
3 tuorli
1 cucchiaino di sale
2 cucchiai di zucchero
1 limone, la scorza
100g di burro a temperatura ambiente
50g di burro fuso
1 cucchiaino di essenza di vaniglia (mia aggiunta, ma ci sta bene) 

Glassa:
150g di zucchero a velo
3-4 cucchiai di albume
1 cucchiaio di rum

Quando il lievitino sarà pronto, cioè rddoppiato di volume,  fatelo sciogliere  con l'acqua, unire i tuorli, e poi pian piano tuttti gli altri ingredienti, tenendo per ultimo il burro. Lavorare per circa 10 minuti e poi scagliare l'impasto  un paio di volte sul tavolo , si si scagliate, come dicono proprio le due sorelle!!! . Rimettere il tutto a lievitare per almeno un'altra ora circa in una ciotola unta di burro, o comunque fino a quando l'impasto non sarà raddoppiato di volume. Trascorso questo tempo lavorare l'impasto velocemente e formate 16 palline, che passerete prima nel burro fuso (i 50g famosi ) e poi  in una teglia di circa 26 cm di diametro.
Lasciate  lievitare nuovamente per circa 25-30 minuti ed intanto scaldate il forno a  200°, trascorso il tempo infornate  per 30 minuti circa. Sfornare e pennellare con la glassa.
Vengono delle palline buonissime e sofficiose, non so se la foto riesce a bene spiegare..

lunedì 28 novembre 2011

Senza glutine: ecco com'è cominciata......

Ebbene si questa volta anche io COPIO di sana pianta un lavoro non mio, ma solo ed esclusivamente perchè voglio che si sappia com'è cominciata, da dove tutto è partito e com'è che oggi i celiaci riescono a mangiare qualcosa di buono.  Orami tutti si dichiarano "Sglutinati" copiando ricette senza mai citarne la fonte. NON MI VA BENE!!!!Voglio che si sappia com'è cominciata.
L'articolo è stato scritto a più mani dalle mie care amiche:  Valentina  Olga
Non smetterò mai di ringraziarle per l'impegno che ci  mettono, per l'amore e l'anima che danno in ogni loro esperimento, e per ogni euro, perchè diciamolo pure, queste benedette farine costano un occhio della testa, e quando un esperimento non va in porto, ma nella spazzatura :( son soldini!!!!!
Grazie ragazze.
1. Partiamo dall'uso delle farine naturalmente senza glutine per fare i dolci come le torte, le crostate, etc... tutto è iniziato grazie a  Betty Hagman negli Stati Uniti circa 40 anni fa, fu lei a realizzare le prime mescole di farine. Le miscele che si trovano su questo sito  creato nel 2003

ma partito da un piccolissimo blog nel 2001

a questi due fece da corollario ed è sempre di loro appartenenza un altro blog del 2007 solo di uso delle farine dietoterapeutiche

lo scambio di informazioni avveniva anche da
(creato nel settembre 2001) 

2. Alla fine di novembre del 2006 comincia a vedere la luce la sezione senza glutine di Cis (Cucinainsimpatia) che trovate a questo link

Tutte le sperimentazioni sulle farine dietoterapeutiche, l'idea stessa di mescolarle insieme nasce lì. Le mescole sono state provate tutte, con tutte le farine ed in tutte le proporzioni e grammature, con un lavoro fatto giorno per giorno e che non è finito. E' tutto lì con data giorno e ora... è lì che sono nate e sono state sperimentate le lievitazioni sulle nostre farine, quelle dirette, indirette, il lievito madre.

E' sempre lì che si è cercato di migliorare gli esperimenti e le mescole con le farine naturali trovate nei siti citati sopra. E' stato anche un lavoro di gruppo, di quelle persone che si sono unite strada facendo e si sono palesate sul forum e di quelle che hanno solo deciso di prendere ed usare per sé propagandando il lavoro come proprio, ma subito riconosciuto e riconoscibile al volo. Tuttavia c'è una cosa che non è replicabile ed è lo scopo per cui tutto si fa, che spesso rimane di sottofondo ma che regge tutta l'impalcatura.

Quella sezione del forum aveva un obiettivo: essere di sostegno a chi si ritrovava da solo, con solo una diagnosi di celiachia in mano. Non è mai stata importante la ricetta di per sé, che fosse bella, brutta o di successo, era importante che ci fosse qualcuno con cui condividere il tuo problema, che ti stesse ad ascoltare e ti desse una risposta sensata. 

Per questo sito  http://www.cucinainsimpatia.net/ è necessario riportare tutte le sezioni dedicate al gf e data del primo post di ognuna...

Antipasti E Torte Salate Senza Glutine  27 Gen 2007
I Primi Senza Glutine  06 Dic 2006
I Secondi Senza Glutine  21 Gen 2007
Pane E Simili Senza Glutine  09 Gen 2007
Pizze E Focacce Senza Glutine  16 Dic 2006
Dolcissimo Senza Glutine  16 Lug 2006
Gelati, Sorbetti E Mousse Senza Glutine  24 Giu 2006
Ricette Bimby Senza Glutine  27 Gen 2007
Informazioni Sulla Celiachia   05 Lug 2007
Cucina E Ricette Senza Glutine  13 Dic 2006  


3. Anche su http://www.cookaround.com/ si sperimenta gf con le prime ricette comparse nel 2003 

4.  non si può dimenticare il ricettario dell'AIC anche questo importante perché fatto dai celiaci per i celiaci ;), è uno dei ricettari più vecchi in circolazione

venerdì 25 novembre 2011

Mezze maniche con pesce spada e olive

AAA Cercasi tempo libero disperatamente......
E' un periodo pieno pieno, non riesco a dedicarmi al mio blogghino, non riesco a passare nelle vostre case :(((((
Ecco un ricetta veloce e facile, proprio per chi ha poco tempo, ma vuol mangiare qualcosa di buono:
1 spicchio di aglio
olio evo q.b
pomodirini giusto per colorire
pesce spada
olive nere
capperi
Mezze maniche rigate di Gragnano
Ho fatto andare  in padella olio e aglio, poi ho unito i pomodorini, i capperi e le olive ed infine il pesce spada. Intanto ho messo su la pentola con la pasta, ed appena cotta, scolata e messa a saltare in padella con l'intingolo. Più facile di così???

venerdì 11 novembre 2011

Ritorno d'argento!!!!!

Teresa , Antonio ed io siamo tornati!!!!
L'esperienza del Cake international a Birmingham è stata unica, sotto tutti i punti di vista, anche se ammetto che siamo tornati tutti con una stanchezza eccezionale....Ma cominciamo con ordine.....
La "tortina" preparata da Teresa, è stata messa in una teca e trasportata in aereo proprio come noi, anche lei viaggiava sul suo sedile e anche lei ha pagato il suo bravo biglietto, non potevamo metterla nella stiva, sarebbero arrivate briciole e tutto ciò non era possibile :) Il personale dell'Alitalia è stato unico, ci hanno aiutate in tutti i modi, sono stati gentilissimi, affettuosi, si sono fatti in 4 per noi W la compagnia di bandiera :)
eccovi qualche immagine ihihih
Notare Antonio, Teresa e La torta seduti buoni buoni hihihih
Arrivate a Londra il taxi che è venuto a prenderci non poteva contenere la torta, l'ultimo bus era partito, per cui il panico!!!! Ma da brave e risolutive donnine quali siamo :)  ci siamo lanciate verso la prima monovolume che passava, l'abbiamo bloccata (non vi dico la faccia del tipo che guidava, avrà pensato che eravamo 2 rapinatrici) e chiesto se per caso fosse un taxi e s ci portava a Birmingham...Siamo state fortunate, era un taxi!!!!!
Arrivate in hotel, il personale è stato molto carino, tutti ci guardavano uin po perplessi per via della torta e del figurino che rappresentava Elisabetta 1 di Inghilterra, ma tutti sorridevano entusiasti, facevano il tifo per noi, malgrado non parlassimo inglese, tranne Antonio, hanno fatto di tutto per farsi capire.
L'indomani ci siamo recate alla volta del NEC, un "salone" espositivo internazionale, non ho mai visto nulla di simile, nulla di così grande, pensate che dall'aeroporto esiste una monorotaia gratuita che porta solo li .Un simpatico trenino a 2 vagoni che nessuno guida e che passa ogni minuto e mezzo.




















Arrivate al Nec, abbiamo trovato una signora, che vista la torta, ci ha subito accompagnate al nostro salone, ci saranno voluti occhio e croce 20 minuti, con una torta da 20 Kg, le braccia confesso che non ce la facevano più, ed ogni tanto una sosta era d'obbligo...
Finalmente c'è una freccia che lo indica, vuol dire che siamo vicini!!!!!!











Questo era il salone alle 7:30 del mattino, tutti a consegnare le loro torte e a sistemare gli ultimi ritocchi
Premetto che Teresa voleva scappare via, era terrrorizzata, voleva andarsene via, scappare con la torta sotto le braccia!!! A momenti la menavo ihihihi Ed ora ecco a voi i suoi capolavori!!!!!!!



Ora scappo, il dovere  mi chiamaaa a dopo con il resto della vicenda ;)


Rieccomi ...
consegnate e sistemate entrambe le opere siamo andati a vedere tutti gli stands, una meraviglia unica, torte di tutte le forme, foggia e qualità, un tripudio per gli occhi di chi come noi è appassionato di quest'arte.
 Sono poi però arrivati i giudici...ed hanno comnciato la loro estenuante battaglia che è durata in pubblico 7 ore, poi non so. Ora vi spiego per bene: la commissione era formata da 7 giudici i quali si avvicinavano ad ogni torta mettevano scritto sulle loro cartellette il loro parere, i pregi, i difetti e così via per ogni torta, il fatto strano è che da quella di Teresa andavano e venivano di continuo, una tensione nostra che toccava le stelle!!! Il mattino dopo però abbiamo trovato il vedetto: SILVER!!! però il giudice  capo gentilissimo ci ha spiegato che la torta per lui era da oro, ma anche per gli altri 5 solo il 7 non era d'accordo perchè in alcuni punti secondo lui, non era perfetta la copertura !!!!!!!!!!!!!!! Lascio alla vostra fantasia i miei personalissimi commenti :( Ci ha inotre detto che Teresa non ha proprio nulla da imparare, che un modelling così perfetto non l'ha mai visto, che ha dovuto toccare alcune parti per capire se fossero in pdz o di plastica, e che secondo lui era la torta migliore di tutto il Cake International!!! Anche Elisabeth 1 ha avuto il suo bravo argento, ma son sicura che l'anno prossimo sarà tutto oro .:)
  Ecco un angolino del salone espositivo


qui invece persone che educatamente si mettono in fila per fotografarla :)
Peccato solo che alla gara dal vivo come migliore decoratore dell'anno 2011 Teresa sia arrivata troppo  stanca e oramai stressata, se avesse avuto un'altra mezz'ora forse gli argenti sarebbero saliti a 3 o magari 2 argenti ed un oro. Però c'è da dire che il solo fatto di essere arrivata in finale, solo in 9 e l'unica italiana non ha prezzo!!!

Eccola nel suo stand prima che cominci la gara, con il buon Antonio che è stato selezionato da Lisa Slatter (direttrice della scuola di sugar art PME) in persona per farle da traduttore durante la competizione..e qui lasciatemelo dire: ero tanto ogogliosa!!!!core de mamma sua, che onore e che emozione!!!! Insomma mettetevi nei miei panni: la mia migliore amica che gareggiava, mio figlio affianco a farle da supporter tecnico, embè mi so commossa :)
Un'esperienza unica, sotto tutti i punti di vista.
Vi ringrazio per la pazienza a questo lunghissimo post. Grazie di cuore a tutte le persone che si sono emozionate con noi, a quelle  che so che facevano il tifo per noi, a tutte quelle che con impazienza aspettavano i risultati,  ed uno in particolare anche a Lei  che ci ha supportato e sopportato tanto.