domenica 25 dicembre 2011

Auguri

E anche Natale se ne va...però lascio ancora auguri per tutti : per coloro che mi vogliono bene, per coloro che me ne volevano, per coloro che mi conoscono solo virtualmente, per chi mi conosce solo di sfuggita e anche per quelli che distrattamente si son dimenticati di me. Non serbo rancore ed odio per nessuno, la mia porta resta sempre aperta al dialogo. E con questa piccola perla di saggezza vi abbraccio tutti dal profondo del cuore ♥
 

martedì 20 dicembre 2011

Buone feste a tutti

Per il momento vi posto questa tortina senza glutine fatta per la recita scolastica di mio nipote :)


Un semplice pds fatto con

9 uova
200g di farina glutafin select
70 g di fecola di patate carrefour
270g di zucchero zefiro.
Proceduto come per un semplice pds, cotto a 160° per 45 minuti circa

Farcito con
500g di panna fresca montata
nutella!!!!! non so quanta ne fosse, ma ne era tanta!!!

Bagna :
latte e cacao

Mio nipote era strafelice!!!!!! A recita finita, c'è stato l'assalto da parte di tutti i bambini ma il piano superiore ha resistito e Matteo  ha preteso di portarselo a casa assieme ai pinguini :)
Ringrazio Teresa per il pupazzo di neve e  Lorainne Mckay per i pinguini, mica poteva essere farina del mio sacco, lo sapete non che ho una manualità pari a zero ;) però a forza di guardare Teresa ed i video di Lorainne, qualcosa di buono sono riuscita a farlo!!!

Ecco Matteo felice!!!

giovedì 8 dicembre 2011

Orecchiette con piselli

Questo è uno dei piatti preferiti di  mio figlio, semplice,buono e veloce :)

Orecchiette
piselli
cipolla
panna
salsiccia sbriciolata o carne macinata di maiale, o di manzo
grana padano grattugiato
sale e pepe q.b
olio evo


In una pentolina ho fatto andare i piselli con olio evo e cipolla e in un'altra, la salsiccia sgranata con un cucchiaino di olio evo, giusto per non farla attaccare.
Ho lessato le orecchiette, messo tutto in una pentola sul fuoco basso basso, con la panna ed il grana padano, e mescolato fino a che il tutto non si è ben mantecato. Ho unito un po di pepe, ed infine impiattato con altro grana padano a vista. Facileeeeeeeeee

mercoledì 30 novembre 2011

Torta zuccherata delle sorelle Simili

Questa  è una ricetta delle famose sorelle Simili, quindi è garantita!!! Io la faccio spesso ed è sempre un successo.






Fare un bel lievitino con :
50g di farina manitoba
20g di lievito di birra, ma se avete tempo riducetelo ed aumentate i tempi di lievitazione, in estate poi dimezzatelo a occhi chiusi
80g di latte

Impastare velocemente, coprire con una pellicola  e far lievitare fino al raddoppio (circa 1 ora)

Impasto:

200g circa di acqua
450g di farina 00
3 tuorli
1 cucchiaino di sale
2 cucchiai di zucchero
1 limone, la scorza
100g di burro a temperatura ambiente
50g di burro fuso
1 cucchiaino di essenza di vaniglia (mia aggiunta, ma ci sta bene) 

Glassa:
150g di zucchero a velo
3-4 cucchiai di albume
1 cucchiaio di rum

Quando il lievitino sarà pronto, cioè rddoppiato di volume,  fatelo sciogliere  con l'acqua, unire i tuorli, e poi pian piano tuttti gli altri ingredienti, tenendo per ultimo il burro. Lavorare per circa 10 minuti e poi scagliare l'impasto  un paio di volte sul tavolo , si si scagliate, come dicono proprio le due sorelle!!! . Rimettere il tutto a lievitare per almeno un'altra ora circa in una ciotola unta di burro, o comunque fino a quando l'impasto non sarà raddoppiato di volume. Trascorso questo tempo lavorare l'impasto velocemente e formate 16 palline, che passerete prima nel burro fuso (i 50g famosi ) e poi  in una teglia di circa 26 cm di diametro.
Lasciate  lievitare nuovamente per circa 25-30 minuti ed intanto scaldate il forno a  200°, trascorso il tempo infornate  per 30 minuti circa. Sfornare e pennellare con la glassa.
Vengono delle palline buonissime e sofficiose, non so se la foto riesce a bene spiegare..

lunedì 28 novembre 2011

Senza glutine: ecco com'è cominciata......

Ebbene si questa volta anche io COPIO di sana pianta un lavoro non mio, ma solo ed esclusivamente perchè voglio che si sappia com'è cominciata, da dove tutto è partito e com'è che oggi i celiaci riescono a mangiare qualcosa di buono.  Orami tutti si dichiarano "Sglutinati" copiando ricette senza mai citarne la fonte. NON MI VA BENE!!!!Voglio che si sappia com'è cominciata.
L'articolo è stato scritto a più mani dalle mie care amiche:  Valentina  Olga
Non smetterò mai di ringraziarle per l'impegno che ci  mettono, per l'amore e l'anima che danno in ogni loro esperimento, e per ogni euro, perchè diciamolo pure, queste benedette farine costano un occhio della testa, e quando un esperimento non va in porto, ma nella spazzatura :( son soldini!!!!!
Grazie ragazze.
1. Partiamo dall'uso delle farine naturalmente senza glutine per fare i dolci come le torte, le crostate, etc... tutto è iniziato grazie a  Betty Hagman negli Stati Uniti circa 40 anni fa, fu lei a realizzare le prime mescole di farine. Le miscele che si trovano su questo sito  creato nel 2003

ma partito da un piccolissimo blog nel 2001

a questi due fece da corollario ed è sempre di loro appartenenza un altro blog del 2007 solo di uso delle farine dietoterapeutiche

lo scambio di informazioni avveniva anche da
(creato nel settembre 2001) 

2. Alla fine di novembre del 2006 comincia a vedere la luce la sezione senza glutine di Cis (Cucinainsimpatia) che trovate a questo link

Tutte le sperimentazioni sulle farine dietoterapeutiche, l'idea stessa di mescolarle insieme nasce lì. Le mescole sono state provate tutte, con tutte le farine ed in tutte le proporzioni e grammature, con un lavoro fatto giorno per giorno e che non è finito. E' tutto lì con data giorno e ora... è lì che sono nate e sono state sperimentate le lievitazioni sulle nostre farine, quelle dirette, indirette, il lievito madre.

E' sempre lì che si è cercato di migliorare gli esperimenti e le mescole con le farine naturali trovate nei siti citati sopra. E' stato anche un lavoro di gruppo, di quelle persone che si sono unite strada facendo e si sono palesate sul forum e di quelle che hanno solo deciso di prendere ed usare per sé propagandando il lavoro come proprio, ma subito riconosciuto e riconoscibile al volo. Tuttavia c'è una cosa che non è replicabile ed è lo scopo per cui tutto si fa, che spesso rimane di sottofondo ma che regge tutta l'impalcatura.

Quella sezione del forum aveva un obiettivo: essere di sostegno a chi si ritrovava da solo, con solo una diagnosi di celiachia in mano. Non è mai stata importante la ricetta di per sé, che fosse bella, brutta o di successo, era importante che ci fosse qualcuno con cui condividere il tuo problema, che ti stesse ad ascoltare e ti desse una risposta sensata. 

Per questo sito  http://www.cucinainsimpatia.net/ è necessario riportare tutte le sezioni dedicate al gf e data del primo post di ognuna...

Antipasti E Torte Salate Senza Glutine  27 Gen 2007
I Primi Senza Glutine  06 Dic 2006
I Secondi Senza Glutine  21 Gen 2007
Pane E Simili Senza Glutine  09 Gen 2007
Pizze E Focacce Senza Glutine  16 Dic 2006
Dolcissimo Senza Glutine  16 Lug 2006
Gelati, Sorbetti E Mousse Senza Glutine  24 Giu 2006
Ricette Bimby Senza Glutine  27 Gen 2007
Informazioni Sulla Celiachia   05 Lug 2007
Cucina E Ricette Senza Glutine  13 Dic 2006  


3. Anche su http://www.cookaround.com/ si sperimenta gf con le prime ricette comparse nel 2003 

4.  non si può dimenticare il ricettario dell'AIC anche questo importante perché fatto dai celiaci per i celiaci ;), è uno dei ricettari più vecchi in circolazione

venerdì 25 novembre 2011

Mezze maniche con pesce spada e olive

AAA Cercasi tempo libero disperatamente......
E' un periodo pieno pieno, non riesco a dedicarmi al mio blogghino, non riesco a passare nelle vostre case :(((((
Ecco un ricetta veloce e facile, proprio per chi ha poco tempo, ma vuol mangiare qualcosa di buono:
1 spicchio di aglio
olio evo q.b
pomodirini giusto per colorire
pesce spada
olive nere
capperi
Mezze maniche rigate di Gragnano
Ho fatto andare  in padella olio e aglio, poi ho unito i pomodorini, i capperi e le olive ed infine il pesce spada. Intanto ho messo su la pentola con la pasta, ed appena cotta, scolata e messa a saltare in padella con l'intingolo. Più facile di così???

venerdì 11 novembre 2011

Ritorno d'argento!!!!!

Teresa , Antonio ed io siamo tornati!!!!
L'esperienza del Cake international a Birmingham è stata unica, sotto tutti i punti di vista, anche se ammetto che siamo tornati tutti con una stanchezza eccezionale....Ma cominciamo con ordine.....
La "tortina" preparata da Teresa, è stata messa in una teca e trasportata in aereo proprio come noi, anche lei viaggiava sul suo sedile e anche lei ha pagato il suo bravo biglietto, non potevamo metterla nella stiva, sarebbero arrivate briciole e tutto ciò non era possibile :) Il personale dell'Alitalia è stato unico, ci hanno aiutate in tutti i modi, sono stati gentilissimi, affettuosi, si sono fatti in 4 per noi W la compagnia di bandiera :)
eccovi qualche immagine ihihih
Notare Antonio, Teresa e La torta seduti buoni buoni hihihih
Arrivate a Londra il taxi che è venuto a prenderci non poteva contenere la torta, l'ultimo bus era partito, per cui il panico!!!! Ma da brave e risolutive donnine quali siamo :)  ci siamo lanciate verso la prima monovolume che passava, l'abbiamo bloccata (non vi dico la faccia del tipo che guidava, avrà pensato che eravamo 2 rapinatrici) e chiesto se per caso fosse un taxi e s ci portava a Birmingham...Siamo state fortunate, era un taxi!!!!!
Arrivate in hotel, il personale è stato molto carino, tutti ci guardavano uin po perplessi per via della torta e del figurino che rappresentava Elisabetta 1 di Inghilterra, ma tutti sorridevano entusiasti, facevano il tifo per noi, malgrado non parlassimo inglese, tranne Antonio, hanno fatto di tutto per farsi capire.
L'indomani ci siamo recate alla volta del NEC, un "salone" espositivo internazionale, non ho mai visto nulla di simile, nulla di così grande, pensate che dall'aeroporto esiste una monorotaia gratuita che porta solo li .Un simpatico trenino a 2 vagoni che nessuno guida e che passa ogni minuto e mezzo.




















Arrivate al Nec, abbiamo trovato una signora, che vista la torta, ci ha subito accompagnate al nostro salone, ci saranno voluti occhio e croce 20 minuti, con una torta da 20 Kg, le braccia confesso che non ce la facevano più, ed ogni tanto una sosta era d'obbligo...
Finalmente c'è una freccia che lo indica, vuol dire che siamo vicini!!!!!!











Questo era il salone alle 7:30 del mattino, tutti a consegnare le loro torte e a sistemare gli ultimi ritocchi
Premetto che Teresa voleva scappare via, era terrrorizzata, voleva andarsene via, scappare con la torta sotto le braccia!!! A momenti la menavo ihihihi Ed ora ecco a voi i suoi capolavori!!!!!!!



Ora scappo, il dovere  mi chiamaaa a dopo con il resto della vicenda ;)


Rieccomi ...
consegnate e sistemate entrambe le opere siamo andati a vedere tutti gli stands, una meraviglia unica, torte di tutte le forme, foggia e qualità, un tripudio per gli occhi di chi come noi è appassionato di quest'arte.
 Sono poi però arrivati i giudici...ed hanno comnciato la loro estenuante battaglia che è durata in pubblico 7 ore, poi non so. Ora vi spiego per bene: la commissione era formata da 7 giudici i quali si avvicinavano ad ogni torta mettevano scritto sulle loro cartellette il loro parere, i pregi, i difetti e così via per ogni torta, il fatto strano è che da quella di Teresa andavano e venivano di continuo, una tensione nostra che toccava le stelle!!! Il mattino dopo però abbiamo trovato il vedetto: SILVER!!! però il giudice  capo gentilissimo ci ha spiegato che la torta per lui era da oro, ma anche per gli altri 5 solo il 7 non era d'accordo perchè in alcuni punti secondo lui, non era perfetta la copertura !!!!!!!!!!!!!!! Lascio alla vostra fantasia i miei personalissimi commenti :( Ci ha inotre detto che Teresa non ha proprio nulla da imparare, che un modelling così perfetto non l'ha mai visto, che ha dovuto toccare alcune parti per capire se fossero in pdz o di plastica, e che secondo lui era la torta migliore di tutto il Cake International!!! Anche Elisabeth 1 ha avuto il suo bravo argento, ma son sicura che l'anno prossimo sarà tutto oro .:)
  Ecco un angolino del salone espositivo


qui invece persone che educatamente si mettono in fila per fotografarla :)
Peccato solo che alla gara dal vivo come migliore decoratore dell'anno 2011 Teresa sia arrivata troppo  stanca e oramai stressata, se avesse avuto un'altra mezz'ora forse gli argenti sarebbero saliti a 3 o magari 2 argenti ed un oro. Però c'è da dire che il solo fatto di essere arrivata in finale, solo in 9 e l'unica italiana non ha prezzo!!!

Eccola nel suo stand prima che cominci la gara, con il buon Antonio che è stato selezionato da Lisa Slatter (direttrice della scuola di sugar art PME) in persona per farle da traduttore durante la competizione..e qui lasciatemelo dire: ero tanto ogogliosa!!!!core de mamma sua, che onore e che emozione!!!! Insomma mettetevi nei miei panni: la mia migliore amica che gareggiava, mio figlio affianco a farle da supporter tecnico, embè mi so commossa :)
Un'esperienza unica, sotto tutti i punti di vista.
Vi ringrazio per la pazienza a questo lunghissimo post. Grazie di cuore a tutte le persone che si sono emozionate con noi, a quelle  che so che facevano il tifo per noi, a tutte quelle che con impazienza aspettavano i risultati,  ed uno in particolare anche a Lei  che ci ha supportato e sopportato tanto.



lunedì 31 ottobre 2011

Signori si riparte

E' da un po che non scrivo e non passo dalle vostre case, chiedo umilmente perdono ma il tempo è sempre quello che è,  ed i preparativi per la partenza fervono.....
Ebbene si, si riparte, e questa volta per Birmingham
Vi starete domandando il perchè, anche io lo farei, ora vi spiego: Teresa, sempre la mia Teresa , è arrivata alla finale del concorso internazionale del migliore decoratore del 2011, gara che si terrà dal vivo a Birmingham presso il Nec (national exibition centre) Il tutto sarà ripreso dalla Tv inglese ed anche da una nota rivista italiana :)  Teresa è tra i nove, e dico 9 finalisti,  è la prima italiana in assoluto a partecipare, l'emozione quindi come potrete immaginare è a 1000!!!!!!! Ma che ve lo dico a fare.....Ovviamente io ed Antonio l'accompagneremo, oramai con l'Inghilterra stiamo diventando di casa ;)

Prima di tutto questo però c'è stato il cake show a Bologna, organizzato da Maison Madeleine, dove Teresa teneva un lab, ed ha portato anche una torta da fr girare la testa....

Eccola qui, mentre apre la scatola della sua torta, e la mostra ai partecipanti :)
Ma ora vi faccio vedere come abbiamo portato la torta sul treno....e si perchè noi per portare questo simile capolavoro abbiamo preso il treno!!!!!! Non vi dico come ci guardavano tutti e tutte le varie domande tipo: ma state facendo un trasloco? ihihih Ma infondo come dargli torto???? Sotto il portabiti blu c'è la torta, sulle ginocchia una scatola con la bambola per il lab...












 La vedete la cassa?????? Dentro c'era la torta :)





Eccoci qui però alla cena di gala, e guardate un po la mia Teresina con tanto di trucco e parrucco  con Toni Brancasitano e Lisa Slatter attuale direttrice della PME, certo la foto non è delle migliori, mah.....











Qui invece è con Makiko Searle
E qui ecco il gruppo di tutte le "tortare"

Eccola qui durante il suo lab
E qui invece durante il lab estemporaneo tenuto gratuitamente per tutte le persone che erano in fila al cake show...notare il bagno di folla :)













Prometto solennemente di portare il pc a Birmingham e di darvi notizie in tempo reale, sarà bellissimo informarvi dei vari riusltati mano mano, solo per  le foto dovrete attendere il ritorno ;)

Ma prima di partire però vi lascio questa piccola ricettina, sperando che mi perdoniate per la mia assenza

1 confezione di Fantasia di torte Molino Chiavazza
2 grosse mele granny smith
4 cucchiai di granella di pistacchi
una buccia grattugiata di limone
1 cucchiaio di gocce di cioccolata
200g di ricotta
5 cucchiai di zucchero
2 uova
Ho mescolato la ricotta con lo zucchero, poi ho unito le uova e poi pian piano tutti gli ingredienti tranne le mele. Ho infarinato ed imburrato una teglia (24), ho versato metà del composto, messo le mele tagliate a pezzettini, versato il resto dell'impasto ed infornato a 160° per circa 40 minuti (o almeno così mi sembra di ricordare :))) )
Eccola a voi :)

sabato 8 ottobre 2011

Buon onomastico Teresa e Francesco

Questa semplicissima tortina, l'ho fatta per l'onomastico di Francesco mio nipote e per la mia cara amica Teresa :). Confesso che un po mi vergogno perchè la Teresa in questione è questa Teresa  ,ma lei mi vuole un gran bene per fortuna mia e nonostante i 3000 difetti, ha fatto finta di niente ed ha detto che era molto carina....Se le vedete crescere il naso ora sapete il perchè!!!! Francesco invece, che ha un gran cuore mi dice sempre : zia è bella ma sopratutto buona :)
L'azzuro è per Francesco, il glicine per Teresa, un colore che ama :)

venerdì 7 ottobre 2011

Novità editoriale

Riccardo, un caro amico mio e di mio marito, ma soprattutto compagno di tante ma tante battaglie in favore dell'ambiente, ha da poco fondato un giornalino bimestrale di azione missionaria: La gioia. 
Chiunque fosse interessato, può cliccare qui
Auguri Riccardo per questa tua nuova esperienza di vita.





giovedì 29 settembre 2011

No knead bread - pane senza impastare

L'idea e' di Jim Lahey, panettiere che oramai spopola sul web e non solo . E' un pane  che si fa con pochissimo lievito,  che non si impasta  e che risulta leggerissimo, profumato e con un alveolatura spettacolare senza il minimo sforzo!!!!

Sicuramente lo conoscerete anche voi, ma volevo postare la ricetta anche per rendere onore alla bella pentola porcellino che mi ha regalato mio figlio :)



470 g farina
360 g acqua
10 g sale
3 g lievito fresco

In una grossa ciotola, sciogliere il lievito nell'acqua, aggiungere  farina e sale e mescolare quel tanto giusto ad unire gli ingredienti, avrete un impasto molliccio che andrà  coperto  con pellicola e lasciato lievitare per 12-18 ore. (preparatelo di sera così lo mangerete a pranzo)
Trascorso questo tempo, l'impasto sarà aumentato di  volume  circa 3-4 volte e sarà pieno di bolle!!!
Rovesciate l'impasto su un piano infarinato e grazie ad una spatola, cercate di piegarlo un paio di volte (vi scapperà a desta e sinistra, è normale) e poi fatelo riposare per altri 20 minuti coperto con una  ciotola capovolta. Trascorso questo tempo, con le mani molto infarinate cercate di dare  la forma di una palla e riponetela in un canovaccio pieno di farina e  coprite con un altro canovaccio, far riposare altre 2 ore 
Dopo 1 ora e mezza però accendete il forno a 230° e mettere dentro una grossa pentola che abbia il coperchio, va bene la terracotta, l'acciaio, il pirex, tutto insomma, ma l'importante è il coperchio che chiuda bene.
Trascorse intanto le due ore, prendete l'impasto con il canovaccio, eliminate quello superiore ovviamente, e tutto di un colpo scaraventatelo nella pentola bollente, non abbiate paura, non si attaccherà!!! Mettete il coperchio ed infornate. Dopo circa 35 minuti, levate il coperchio e terminate la cottura per altri 15-20 minuti e poi sfornate e fate   raffreddare su una gratella.
Mi spiace, ma non ho una foto dell'interno, pieno di bolle con la crosta croccante, ma essendo un pane che faccio spesso, la metterò al più presto.

domenica 21 agosto 2011

Cartucce

Grazie, grazie per l'affetto che mi avete dimostrato qui, mi ha fatto bene all'anima, mi avete scaldato il cuore....ognuno con le sue belle e sentite parole, grazie.

Ebbene si, mi sono rialzata, ho raccolto ciò che mi era caduto davanti ai piedi e l'ho ributtato sulla famosa montagnella..... e per questa cosa devo ringraziare in parte anche lei , che pur non sapendolo,  mi ha telefonato in un momento proprio no....Ero davanti alla tv a guardare un telefilm che mi piace tanto, e la storia della giornata, raccontava proprio quello che era successo a me :(   i lacrimoni erano li pronti, il mento aveva cominciato a tremare, e mi imponevo di non farlo così ho cominciato a respirare profondamente ed al mio terzo profondo respiro, squilla il telefono, guardo chi potesse essere,  PRIVATO, in cuor mio spero che sia chiunque, ma non l'unica persona che mai avrei voluto mi chiamasse in quel momento... Per fortuna  ho sentito la sua voce, mi sono risollevata, ho sorriso, ed ho cominciato a parlare, parlare, parlare........Mi ha fatto bene, tenersi tutto dentro non fa bene a nessuno, mi son sentita più leggera. Grazie di cuore

Ed è per questo che questa ricetta la dedico a lei.
(ricetta presa da gennarino.org)



Queste cartucce sono un dolcetto tipico napoletano, a casa mia, quando ero piccola, erano il dolcetto che si portava il pomeriggio a casa dei parenti, in genere si associavano alle paste di mandorla. Ricordo ancora quando andavo a comprarli sotto casa dal pasticciere, bastava dire 1 kg di "dessert" e lui subito ti capiva....metteva su un lato tutte le paste di mandorla e sull'altro tutte le cartucce. Sia mia sorella che io preferivamo le cartucce, ma mica potevamo mangiarle tutte noi???? Oggi si, perchè le faccio io :)

200 g di farina di mandorle
160 g di burro morbido
20 g di burro fuso
100 g di farina
50 g di fecola di patate
4 uova
200g di zucchero
1 pizzico di ammoniaca
1 pizzico di sale
3 gocce di essenza di mandorla amara (io non  la metto mai)
la buccia grattugiata di un limone

Mescolare assieme la farina di mandorle (io la facccio con il frullatore, unendoalle mandorle  una metà della fecola che serve nell'impasto,  e lascio anche dei pezzetti di mandorla un po grandicelli, perchè mi piace trovarli sotto i denti)  con le uova, il limone e l'essenza di mandorla e lasciare riposare per un ora a temperatura ambiente.
Lavorare burro, zucchero ed ammoniaca, sbattere le altre due uova ed unirle a cucchiaiate alterne al composto di farina di mandorle, unire poi il burro fuso e per finire le farine setacciate un cucchiaio alla volta. lasciare riposare per un ora a teperatura ambiente.
Preparare i cannelli che le ospiteranno con le dovute cartine, mettere il composto in una sache a poche e riempire ogni cannello, con il composto. Non conviene arrivare al bordo, perchè in cottura crescono e fuoriuscirà parecchio composto.
Cuocere in forno caldo a 170° per circa 20 minuti, devono colorarsi sulla testa e rimanere abbastanza bianche nella parte della cartina.

mercoledì 17 agosto 2011

Una mattina

E poi arriva una mattina come questa, dove una bella notizia ti manda in tilt, ti rimanda ad un anno fa....L'hai tenuto nascosto anche a te stessa per non soffrire più , hai scacciato questo brutto ricordo perchè vuoi stare bene e perchè piangersi addosso non serve a niente.
Anche questo era finito buttato dietro, nella famosa montagna "abusiva" che ti si è creata dietro a forza di buttarti tutto alle spalle....ma oggi è rotolato giù, davanti ai tuoi piedi... ci provi a non ricordare a non pensare, ma ti ritorna tutto davanti agli occhi come un flasch.
E mentre pensi: ora basta, esco vado a fare la spesa, così cucino e non penso (e quando non voglio pensare son capace di cucinare 24 ore di fila, manco dovesse passare il Battaglione San Marco) una "bella" telefonata, ti fa cadere le braccia e dici: "no e ora???? speriamo non sia così..."  ti guardi attorno, cerchi una soluzione, sapendo in cuore tuo che questa volta non sei in grado di trovarla.....che fare????? bhe di sicuro non è il momento di piangere sul latte versato, siamo positivi (è una parola ...) in fondo non è ancora detto, e poi forse magari una soluzione la trovo ;)
Come vorrei un abbraccio in questo momento, ma sono sola davanti ad un pc...

giovedì 4 agosto 2011

Baklavà

Io adoro i baklavà, ero alla ricerca di una buona ricetta, qui l'ho trovata :) e poi modificata un pochino negli ingredienti secondo le mie necessità.

 Qui le mie modifiche
  • 20 fogli  di pasta Phillo(ho trovato quella originale greca)
  • 150 g di granella di mandorle
  • 150 g di granella di pistacchi
  • 50 g di zucchero
  • cannella in polvere q.b
  • burro fuso per spennellare i fogli 

Per lo sciroppo: 


  • 4 Cucchiai   di miele di arancio
  • 150 g di zucchero
  • 30 cl di acqua
  • 2 Cucchiaio di  succo di limone caprese
  • 1 Cucchiaio di acqua di fiori d'arancio 
Per prima cosa ho preparato  lo sciroppo facendo sciogliere sul fuoco acqua e zucchero, poi ho unito  il miele ed il succo di limone e sul finire gli altri fuori dal fuoco. Ho fatto raffreddare in frigo.


    Ho Spenellato la prima sfoglia con del burro fuso e poi man mano anche  le altre 5 che sovrapponevo . Su questi primi 6 strati ho versato le mandorle con i pistacchi e poi ho messo un pochino di zucchero misto alla cannella.  Ho continuato così (sfoglia, burro, sfoglia, burro....) per altri 6 strati e poi nuovamente pistacchi, mandorle, zucchero e cannella, per 3 strati in totale, terminando però con le sole sfoglie imburrate. Come da ricetta ho preso un coltello dalla  lama tagliente e ho tagliato la pasta (fino a tocccare il fondo della pirofila) diagonalmente così  da ottenere dei rombi. Ho Infornato a 180ºin forno già caldo per circa 40 minuti circa.
    A questo punto ho tolto i  baklavà dal forno e  subito ho versato sopra lo sciroppo freddo facendo bene attenzione a riempire le linee diagonali. Appena tutto era freddo ho portato a tavola.

    venerdì 22 luglio 2011

    Raccolta delle mie ultime torte :)

    Ultimamente, come avrete notato, sono stata un po ingiro e quindi lontano dal mio blogghino ;) ma la mia insana voglia di festeggiare i miei cari non mi passa mai, per cui eccovi in una volta sola le mie ultime tortine : A voi la scelta della preferita!!!


    Un semplicissimo pds farcito con tre strati di  crema al limone e tante, ma tante fragoline di bosco.



    Onomastico di mio nipote Giovanni
    Anche qui un pds farcito con crema e bagna al limoncello.


    Una buona sacher torte, un classico intramontabile guarnito con le sole candeline...più semplice di così ;)

    Noi adoriamo, oltre ai gatti, i maialini e quindi una simpatica famigliola :) Pds farcito con tre strati di panna, fragoline di bosco e bagna al limoncello
    Tre strati di pds, farciti con panna fragoline di bosco e bagna al limoncello

    I gusti come vedete sono praticamente uguali, non ho molta possibilità di scelta, si sono fissati oramai, però in compenso la torta la mangiano sempre tutta!!! E quindi......

    sabato 16 luglio 2011

    Siamo tornati !!! 2° tempo

    Dopo la gita londinese mia e di Antonio, che non era proprio in calendario,  siamo ripartiti, Antonio, Bruno ed io per l'Abruzzo, precisamente a Montesilvano (Pe). Li abbiamo dei carissimi cugini, con i quali ci scambiamo sempre piacevoli visite, anche se confesso che mancavamo da casa loro da almeno 4 anni.... e se mi fermo a pensare, erano 4 anni pure che non ci dedicavamo una vera vacanza. Qualcuno mi potrà giustamente obiettare: ma come hai la casa di villeggiatura??? E' vero anche questo, ma io per vacanza intendo 1 settimana, solo una, in cui non devo pensare a niente, non devo stare li a pulire, cucinare, aprire casa, richiudere casa, pensare al giardino, agli ospiti che vengono, a stirare, a lavare, a sistemare ciò che nell'inverno si è danneggiato, a.....vabbè avete capito. Per me vacanza significa staccare la spina, dimenticarmi un po di tutto, incontarare qualche persona cara, scoprire luoghi nuovi, passeggiare, tutto in completo relax...L'ultimo anno trascorso non è stato dei più belli, è capitato di tutto, ma proprio di tutto, sia fisicamente che moralmente, avevo proprio bisogno di andarmene, di butarmi tutto alle spalle, di non pensare, e di non svegliarmi più nel cuore della notte per incubi o pensieri.
    Mi spiace molto per chi non l'ha capito, per chi ci è rimasto male, ma per una volta, forse sbagliando non lo nego, ho pensato a me.

    Questa è la piazza storica della splendida Sulmona,una delle più belle piazze che abbia mai visto, anche perchè per fortuna è conservata benissimo. La  cittadina di Sulmona è nota ai più per i confetti che sono veramente ottimi, con essi poi  vengono creati  dei fiori, dei bouquet bellissimi, peccato non averli potuti fotografare...si è scaricata la batteria della macchina :((((



    Guardate un po che meraviglia questa antica confetteria, è meravigliosa secondo me...
    Ed eccoci qui, tutti e tre finalmente insieme, felici e spensierati!!! 
    Credetemi se vi dico che per me tutto ciò  è stato impagabile......Per l'occasione ho anche tagliato i capelli, erano 2 anni, e sottolineo 2 anni (me ne vergogno), che non andavo dal parrucchiere, vuoi per un motivo, vuoi per un imprevisto, vuoi per un pronto soccorso, insomma ho sempre rimandato......

    E questo balcone non è un sogno???


    E se ti cantano Il mare d'inverno  diciamolo pure che certe volte anche il mare d'estate non è poi così male..
     Qui però siamo a Montesilvano ;-)

    Ed ora cosa vola nei cieli in pieno giorno? Un pipistrello???????????....

    Nooo sono solo Bruno ed Antonio che si divertono con un aquilone pipistrellifero :)

    Ed eccoci in ammollo ihihihi
    E poi?????????? Poi arriva il compleanno di Antonio : e si perchè il 1° Luglio Anto ha compiuto 12 anni, e così abbiamo deciso di festeggiare con gli zii, i cugini di Montesilvano e con.....


    E con......Indovinate un po chi è questa bella e sorridente signora :

     Ma come.... è lei!!!!!!!! La mia cara amica  Concetta/Lisbeth
    Dovete sapere che io e Lei ci siamo conosciute su Cis    almeno 3 anni fa, e da allora  abbiamo continuato a ridere e scherzare su FB, sul suo sito, ed ora anche sul suo blog, ma mai, e ripeto Mai ci eravamo conosciute dal vivo!!! E' stata un'emozione enorme, perchè Concetta è proprio una bella persona, proprio la persona  credevo che fosse, abbracciarla è stato veramente magnifico!   Ancora la ringrazio  per avere partecipato alla nostra piccola festicciola mooolto casalinga, e spero di poterla rivedere al più presto!!!!

    Ed ecco Antonio che accende le sue 12 candeline...mamma mia come vola il tempo.
    Per il momento vi lascio, magari continuo  a raccontarvi domani...

    Rieccomi, puntuale come una cambiale in scadenza :))))

    In quei giorni abbiamo poi deciso di andare a fare visita all' oasi del wwf  Italia, nonchè riserva naturale regionale  Gole del Sagittario , un vero e proprio pezzo di paradiso in terra. In pratica è un canyon scavato tra le rocce dal fiume Sagittario, li la natura per fortuna la fa da padrona, è un posto da visitare, se ci passate non dimenticatevi di fermarvi!!!
    Ecco i miei eroi alle prese con la fontana, come non ci si può fermare a bere da una fontana simile??? Calcolando poi che l'acqua è della sorgente li presente???

      Antonio alle prese con il percorso vita ed io sulla trave :) Come vivere pericolosamente hahahahaha

    cc
    Chiudo questo mio lunghissimo post con la foto del mio eroe: Micioalex ovvero uno dei tre magnifici gatti di gatti di Concetta, ovvero l'unico che si è fatto avvicinare e fotograre. Ciao micione bello spero di poterti venire a coccolarti al più presto.

     Guardate che eleganza nel portamento!!!!!